Verona
3-6 novembre 2022

Verona, 3-6 novembre 2022

2 Novembre 2022

Pronta a partire domani Fieracavalli 2022

Tutto pronto per la manifestazione equestre internazionale che torna al suo format originale. Molti gli appuntamenti attesi: dall’eccellenza sportiva della ventunesima edizione della Coppa del Mondo di Salto Ostacoli Longines FEI Jumping World CupTM, alla spettacolarità dello show serale Gala d’Oro, alle razze equine in mostra, fino ai numerosi eventi a tema sostenibilità, filo conduttore di tutte le iniziative collaterali.

 

A Fieracavalli, infatti, le aree tematiche sono trasversali e coprono tutte le anime del comparto equestre legate ad business, sport, allevamento, turismo, spettacolo e sociale.
Per l’offerta sportiva, si consolida anche il legame con la Federazione Italiana Sport Equestri che raccoglie i migliori talenti di domani con la Coppa e il Gran Premio delle Regioni e il Progetto Sport in Arena Fise, contenitore d’eccellenza nazionale che vedrà̀ ampliarsi, tra il 2022 e il 2023, il proprio palinsesto. È Pala Volkswagen, invece, il luogo di disputa delle finalissime dei due circuiti nazionali di salto ostacoli prodotti da Fieracavalli: il 124×124 e l’Italian Champions Tour si danno appuntamento nel prestigioso ring del padiglione 8 che, migliorato per aspetti tecnici e dimensioni, si appresta ad ospitare l’evento sportivo più atteso, la ventunesima edizione della Coppa del Mondo di Salto Ostacoli Longines FEI Jumping World CupTM che torna alla capienza originale e che annovera tra i suoi iscritti i migliori nomi del ranking mondiale, a partire dal n.1 al mondo Henrik von Eckermann. Stesso campo di sfida della Top Team, che ha visto il suo esordio nel 2021, una gara charity a squadre emozionante e spettacolare dove per ogni ostacolo superato senza errori Scuderia 1918, in collaborazione con Save the Planet, pianterà 15 alberi. Due le squadre che si sfideranno: Jumping Verona e Scuderia 1918 con top riders del calibro di: Kevin Staut, Lorenzo De Luca, Simon Delestre, Giulia Martinengo Marquet, Piergiorgio Bucci e molti altri ancora
Il viaggio nel mondo delle razze equestri invece inizia ai padiglioni 2 e 3, con le più antiche razze italiane e il cavallo da Sella Italiano, in collaborazione con MIPAAF e AIA. Al padiglione 9 invece ci si avventura nel mondo del cavallo di Pura Razza Spagnola, del Criollo e degli imponenti Frisoni. Alle tradizioni e ai cavalli d’oltreoceano sono dedicati due interi padiglioni (11 e 12): appaloosa, paint e quarter horse sono le razze americane in mostra, insieme all’ormai tradizionale appuntamento con il Westernshow che, quest’anno, ospita la regina delle discipline a stelle e strisce, con il trofeo “Avviamento al Reining” promosso da FISE, insieme alle gare nazionali di barrel, pole bending e alle prove attitudinali delle razze americane. Spazio anche al principe delle razze equestri, il Purosangue Arabo, che diventa protagonista del prestigioso concorso morfologico internazionale dedicato a questa razza straordinaria.
Cavallo come vettore di forti messaggi che guardano con concretezza ai punti dell’agenda 2030 dell’ONU per lo sviluppo sostenibile. Da diversi anni, infatti, Fieracavalli è impegnata nel promuovere il ruolo del cavallo come veicolo di sostenibilità, inclusione sociale, territorio, turismo lento e avvicinamento delle nuove generazioni al mondo equestre. A caratterizzare l’edizione in questo senso ci pensano tre appuntamenti organizzati proprio per la giornata inaugurale e che toccano tre dei progetti bandiera della manifestazione. il primo è il viaggio a cavallo con il raid equestre Monaco-Verona, il progetto promosso da Fieracavalli e Veronafiere, che, a 17 anni dall’ultima edizione, torna a sensibilizzare a promuovere un turismo lento e sostenibile. Un itinerario di oltre 600 km, suddiviso tappe, che collega la capitale bavarese al comune scaligero, dove i cavalieri arriveranno proprio nella mattina di giovedì 3 novembre. Nella stessa giornata è in programma la cerimonia di consegna dei primi diplomi del corso di tecnico di scuderia a detenuti ed ex detenuti della Casa Circondariale di Montorio, mentre la sera è in programma (nel padiglione 8) Riding the Blue Charity Dinner & Gala, che aprirà la prima serata del Gala d’Oro festeggiando la conclusione della raccolta fondi a favore del progetto di ricerca su ippoterapia e autismo inaugurato proprio dalla fiera nel 2019. Entrambi i progetti sono stati realizzati grazie alla fruttuosa e duratura collaborazione tra Fieracavalli e l’ASD Horse Valley Riding.
Al Pad. 4 è invece allestita l’area talk “A cavallo della sostenibilità I Dialoghi sul futuro sostenibile del mondo equestre”, punto di confronto e pensiero sul futuro della società e del settore, fino al profondo lavoro di controllo e sensibilizzazione sul rispetto del cavallo attraverso il “codice etico di Fieracavalli”, documento programmatico e vincolante, condiviso con tutti gli espositori della manifestazione.
L’attenzione al cavallo e al suo rapporto con l’uomo è anche al centro della Horse Friendly Arena (Pad.9), dove si alternano ogni giorno le dimostrazioni di alcune delle migliori scuole di addestramento naturale.
Spazio all’entertainment.
Fieracavalli non è solo una fiera, è un grande e poliedrico evento tutto da vivere, dove approdano tecnici, appassionati, ma anche solo curiosi che si avvicinano per la prima volta al mondo equestre. E proprio per neofiti più o meno giovani è pensato il palinsesto di eventi che popolano il giorno e la notte della manifestazione.
Di giorno, al pad. 1, c’è l’Area Family che amplia l’area ludico-didattica con diversi momenti di animazione “educational” e il tradizionale “battesimo della sella” a cui, quest’anno per la prima volta, si aggiunge il “battesimo del volteggio” con la campionessa mondiale di volteggio Anna Cavallaro. Nelle aree centrali esterne della manifestazione trovano spazio invece un susseguirsi di eventi spettacolari e adrenalinici, le antiche tradizioni della mascalcia e dell’agricoltura italiana, così come l’area food regionale a cui è dedicata la prima edizione del concorso Sapori di Razza, con Alessandro Borghese. Una giuria di esperti e il pubblico di visitatori saranno chiamati a individuare il miglior street food regionale che si aggiudicherà il premio di “Sapori di Razza Fieracavalli 2022” consegnato da Borghese in persona.
Di notte l’intrattenimento diventa “Meraviglia” con il ritorno dell’attesissimo appuntamento serale del Gala d’Oro che ha chiamato a sé alcuni tra i nomi più noti e cari alla community equestre internazionale, come lo straordinario artista francese Lorenzo o il campione italiano di dressage Andrea Giovannini. Per chi non si volesse perdere il clima serale che si respira anche tra i padiglioni e le aree esterne, tornano le “Notti di Fieracavalli”: aperture straordinarie (fino alle 23.00) nelle prime tre serate di fiera (fino a sabato 5 novembre) in cui ballare a ritmo di country nel saloon del Westernshow, testare tutto lo street food regionale a disposizione e, soprattutto, aggirarsi tra i box per godere dello spettacolo più bello: il cavallo.

Con 124 anni di storia, il tradizionale appuntamento annuale dedicato agli amanti del mondo equestre sta per aprire le sue porte e vi aspetta a Verona dal 3 al 6 novembre.