Skip to content

Verona capitale italiana del Jumping

Importante anniversario per Jumping Verona

È stata Milano nel 1983, nel Palasport, a ospitare la prima tappa italiana della Coppa del Mondo di salto Ostacoli, ma l’anno successivo, a causa di una forte nevicata che danneggiò seriamente le strutture del palazzetto milanese, l’appuntamento venne spostato presso il circolo ippico Brianteo di Birago alle porte del capoluogo lombardo. Dopo un’interruzione dovuta alla mancanza di una sede idonea, finalmente, nel 1995, il Gotha del salto ostacoli internazionale si riunisce nuovamente in Italia, in quella che sarebbe divenuta la sede dell’appuntamento italiano per sei edizioni: il Palasport di Casalecchio di Reno (BO).

Ma, a cavallo del nuovo millennio, nella primavera del 2000 lo staff di Fieracavalli propone la candidatura di Verona quale sede del prestigioso evento. Ed il primo appuntamento nella sede scaligera, nel novembre 2001, si rivela un successo. 

Grandi pagine di sport sono state già scritte nelle diciannove edizioni dell’appuntamento scaligero grazie a binomi che con le loro carriere hanno letteralmente fatto la storia di questa straordinaria disciplina equestre. A partire dall’edizione d’esordio del 2001 che ha visto un en plein del Belgio con tre cavalieri ai primi tre posti della graduatoria per finire con il 2019 con la meritata vittoria di un Scott Brash. In mezzo tanta storia, grandi cavalli, grandissime amazzoni e grandissimi cavalieri.

Un concorso al ‘top’ con gare avvincenti dall’alto livello tecnico, e un grande spettacolo per gli appassionati!

Newsletter